E se fosse solo provincialismo?

Dopo alcuni giorni di full immersion americana, in compagnia di cervelloni di ogni nazionalità che si illuminano ogni volta che parliamo dell’Italia, mi viene da chiedermi: ma perchè, invece di conquistare il mondo con la nostra cultura e la nostra qualità di vita, perdiamo il nostro tempo a litigare fra di noi e a parlare male del nostro paese? Vista da Aspen la globalizzazione sembra un’immensa opportunità, da Roma assume le sembianze di un ineluttabile destino che fa troppa paura….. E se fosse solo provincialismo?