Cerca tutti gli articoli presenti nel nostro archivio

Ultimi articoli

Il lavoro da remoto. Per una riforma dello smart working oltre l’emergenza – a cura di Michel Martone

a cura di Michel Martone Nel breve volgere di un mese il lavoro da remoto si è imposto a livello globale come l’unica modalità di lavoro possibile in tempi di pandemia. Una vera e propria rivoluzione che ha fatto crollare le antiche distinzioni tra lavoro e vita privata mettendo in discussione, con lo spazio e […]

A proposito di blocco dei licenziamenti, libertà di impresa e bolla occupazionale

1. Sulla legittimità costituzionale del blocco dei licenziamenti. – Per quanto rappresenti un unicum nel panorama internazionale, non ritengo che il blocco dei licenziamenti disposto in Italia nel corso dell’emergenza sanitaria sia incostituzionale, per diverse ragioni. Anzitutto perché la Costituzione, al secondo comma dell’art 41, riconosce espressamente che “l’iniziativa economica privata non può svolgersi in […]

Il distanziamento come principio di organizzazione sociale

Articolo pubblicato sul Il Messaggero di lunedì 27 aprile 2020 Sul punto ha ragione Giorgio Agamben quando rileva che raramente nella storia dell’umanità si è assistito all’irruzione, così rapida e dirompente, di una regola di condotta capace di ordinare le azioni, individuali e collettive, su così vasta scala. Non c’erano vaccini, la scienza non ha trovato […]

Webinar “Wage setting regulation after the pandemic” – Bologna, 19 giugno 2020

In the context of this sudden exogenous crisis, wage-setting regulation can play the role as stabilizer of demand. In the short and medium run, minimum wage policies could be able to counteract income volatility and preventing workers from ending up in in-work poverty. However, the reality it is not so clear. Who should set the […]

Tutti gli articoli

Saranno più veloci i politici o le parti sociali?

 Per modificare la Costituzione del 1948 è necessario seguire le complesse procedure dall’ art. 138 Cost. Le principali forze politiche si dichiarano disponibili, vediamo quanti anni ci vorranno. Per modificare la “Costituzione” delle relazioni industriali, ovvero il Protocollo del 23 luglio 1993, è invece sufficiente che le parti sociali e il Governo si siedano attorno […]

Il primo maggio degli outsider

Oggi è il primo maggio. E il sindacato confederale ci arriva piuttosto mal messo. E’ invecchiato, come dimostra l’età media della base associativa e dei delegati. Demodé, perché, come emerge dai sondaggi di opinione condotti tra i giovani, non riesce a comprendere che la festa del lavoro dovrebbe essere la festa dei lavori, precari o […]

Perchè il paese ha detto no ai professionisti del veto

  Miracolosamente e in una sola notte, gli italiani, sfruttando gli spiragli offerti della più odiosa tra le leggi elettorali repubblicane, hanno raccolto la sfida del Veltrusconi per realizzare quelle riforme che i politici della seconda repubblica promettevano da quindici anni. Il Paese aveva bisogno di governabilità e loro, stufi della paralisi degli ultimi anni, […]

Il sindacato deve scegliere: la fabbrica o la politica

Tra gli sconfitti delle ultime elezioni, c’è anche il sindacato confederale ed in particolare la Cgil. Lo prevedeva il libro, fresco di stampa, di Stefano Livadiotti su “l’altra Casta”. Lo dicono chiaramente le analisi dei flussi di voto nei quartieri operai, dalle quali emerge che i confederali hanno perso gran parte della tradizionale capacità di […]

Nous sommes tous indesirables

Come insegna la tragedia greca e ricordano le lettere luterane di Pier Paolo Pasolini spesso “le colpe dei padri ricadono sui figli”, soprattutto se ereditano un sistema economico malato e indebitato e a crescita zero. I giovani francesi l’hanno capito e, per questo, occupano la Sorbona. Quelli italiani neanche se ne sono accorti ed infatti […]

Video per il Weekend – Antonio Rezza

Il video si chiama “L’orrore di vivere”. Ringrazio Mr.Reds per il suggerimento…

Ma quale Terza Repubblica…questo è l’incubo di sempre!

Doveva essere la stagione delle riforme. L’inizio di una nuova repubblica più moderna e pragmatica in grado di affrontare la globalizzazione. Ed invece ci siamo ritrovati in piena Prima Repubblica, tra intercettazioni, raccomandazioni, nani e ballerine. Con il problema dei rifiuti in più. Sono bastati due mesi per seppellire il bipolarismo dialogante che avrebbe dovuto […]

Un benvenuto ai naviganti

Ai ragazzi di Itaka e a tutti quelli che approdano sull’isola online, il mio benvenuto. Spero che gli articoli suscitino i vostri commenti, i suggerimenti nella pagina università il vostro interesse e i video e le foto nella pagina di Itaka un pizzico di nostalgia per quello che abbiamo fatto. Ma anche entusiasmo per quello […]

Articolo 18 – Un approccio bipartisan all’ultimo tabù

Per alcuni l’art. 18, o meglio l’istituto della reintegrazione che ne costituisce il fulcro, è la più importante di tutte le tutele perché, sottraendo il lavoratore alla paura di essere ingiustamente licenziato del datore di lavoro, dà senso e sostanza a tutti gli altri diritti del lavoro.

A cosa serve il sindacato?

Il sindacato nella società bloccata a proposito di un recente libro di Pietro Ichino Dopo le denuncie di Giavazzi, Gaggi, Alesina e tanti altri dalle pagine del Corriere della Sera e gli intensidibattiti ospitati da Tito Boeri sul sito de La voce.it, la riflessione sulla società bloccata si arricchisce di un nuovo ed importante contributo […]

Lo sciopero politico, un caso di concorrenza sleale

Il diritto di sciopero politico ovvero un caso di concorrenza sleale tra partito e sindacato       Nell’opprimente castello di leggi che ci circonda, le competenze sono spesso confuse e i confini incerti. Come quelli tra partiti e sindacati nell’attuale congiuntura politica. Alle primarie per la scelta del candidato premier del centrosinistra si contano […]

Un’altra primavera all’Angelo Mai

Lo spazio è unico. C’è un arioso cortile interno, ampi locali, un piccolo teatro dalla limpida acustica e, dulcis in fundo, una chiesa sconsacrata che emana potenti vibrazioni. E questa meraviglia, un po’ fatiscente, si trova al centro di Roma, nella “suburra” tanto cara al Belli. E’ l’Angelo Mai, nel rione Monti.

Il castello – Uno sporco piccolo comma

Da qualche anno, nell’ordinamento italiano c’è uno sporco piccolo comma che, noncurante della legge morale prima ancora che costituzionale, sostiene l’industria del calcio proprio nel momento in cui tartassa quella culturale. Un comma che si inscrive a pieno titolo tra quelli che compongono quel burocratico castello di leggi che lasciava sgomento Kafka, ai primi del […]